DETTAGLI DIMENTICATI?

23 luglio 2021 – I rischi legati all’acqua dominano l’elenco dei disastri in termini di vittime umane ed economiche negli ultimi 50 anni, secondo un’analisi completa dell’Organizzazione meteorologica mondiale (OMM): link
22 luglio 2021 – Il CNR-ISAC ha attivamente collaborato alla stesura del nuovo Joint IPWG/GEWEX Precipitation Assessment report di cui Vincenzo Levizzani è uno degli autori principali. Piove, piove troppo poco o piove moltissimo. Negli scorsi giorni abbiamo assistito a due tipologie di eventi agli antipodi: un’ondata di calore estrema nel nord-ovest degli USA e

CNR: un disdrometro a Pescara

23 luglio 2021 – L’istituto di Scienze dell’Atmosfera e del Clima (ISAC) del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) in un programma di collaborazione scientifica con la protezione civile della regione Abruzzo ha istallato sul tetto dell’ufficio idrologia, idrografico e mareografico nella sede di Pescara, un disdrometro: uno strumento avanzato per la misura delle proprietà microfisiche
14 luglio 2021 – In occasione dell’uscita del programma di finanziamento di interventi per l’adattamento ai cambiamenti climatici in ambito urbano del Ministero della transizione ecologica (Decreto Direttoriale n.117 del 15.04.2021), la Regione Emilia-Romagna, in collaborazione con ANCI Emilia-Romagna ed ART-ER, ha organizzato un workshop dedicato alla presentazione di buone pratiche di adattamento sperimentate negli
20 luglio 2021 – Sono gli eroi non celebrati che stanno “dietro” le nostre previsioni del tempo. E il ruolo che svolgono è importante ed essenziale. Una bellissima storia da sfogliare: link
20 luglio 2021 – Dopo un periodo di stop torna operativo il radar meteo di Fossalon di Grado di proprietà della Protezione civile del Friuli Venezia Giulia. E’ stato riattivato questa mattina a seguito dei lavori effettuati per l’aggiornamento hardware e software del sistema, così da oggi possiamo vedere i dati meterologici direttamente sul sito
03 luglio 2021 – Un’eccezionale ondata di calore da settimane sta soffocando mezzo pianeta. In Canada, dove al grande caldo sono seguiti incendi che stanno devastando interi villaggi, l’ultimo bollettino parla di almeno 500 moti in pochi giorni. Ma la crisi climatica investe appunto anche altre aree del mondo, dagli Stati uniti alla Russia al
21 giugno 2021 – Di Antonello Pasini – Come l’esperienza degli ultimi anni ci insegna, il riscaldamento globale recente e il cambiamento di circolazione nel Mediterraneo, che vede sempre più spesso lo scontro di masse d’aria fredde o fresche di origine settentrionale con altre più calde e umide stanziali o provenienti da sud, aumentano il
21 giugno 2021 – Federico Grazzini: “Vorrei segnalare una sorta di errore sistematico associato all’attuale ondata di caldo in Europa. Ho notato che le temperature massime di 2 metri durante il picco dell’ondata di caldo nel Nord Italia sono state sovrastimate. Soprattutto in Emilia-Romagna dove, secondo l’output del modello, domenica ci aspettavamo Tmax ampiamente sopra
  03 luglio 2021 – E’ uscito il numero di giugno 2021 della Rivista di Meteorologia Aeronautica: link
Foto di Franco Vinetti 24 giugno 2021 – Dopo una primavera fresca e tardiva – in Italia e su gran parte d’Europa – giugno 2021 si sta mostrando decisamente caldo per effetto di anticicloni subtropicali allungati dal Nord Africa talora fino all’Europa nord-orientale. Le anomalie di temperatura media del periodo 1-22 giugno variano da circa
24 giugno 2021 – E’ uscito nelle librerie e on-line il nuovo libro di Vincenzo Levizzani ricercatore del CNR: link
  30 giugno 2021 – L’ambiente alpino e i mari italiani sono gli osservati speciali nel monitoraggio dei possibili effetti dei cambiamenti climatici in Italia. I nostri ghiacciai fondono ogni anno di più, e i mari mostrano evidenti aumenti di temperatura, con alterazioni marcate nel Mar Ligure, Adriatico e Ionio Settentrionale; evidenze di stress idrico
01 luglio 2021 – La differenza, enorme, rispetto ad altri eventi estremi riguarda lo scostamento rispetto ai record precedenti registrati nella stessa zona. Solitamente si tratta di ritocchi di pochi decimali di grado, qui ci troviamo con un aumento di 10 gradi rispetto al picco precedente”, spiega l’esperto: link
30 giugno 2021 – La meteorologa Acordon: “Le lunghe serie storiche non lasciano dubbi, i fenomeni estremi si verificano più spesso”. “Nello scenario peggiore, entro fine secolo temperature così alte in estate saranno la norma”: link
24 giugno 2021 – Un chicco di grandine del Texas raccolto ad aprile è stato ora confermato dai meteorologi come il più grande mai registrato nella storia dello stato, secondo un rapporto pubblicato giovedì. Il chicco di grandine è stato catturato, fotografato e condiviso sui social media il 28 aprile a Hondo, in Texas, a

NEC

ARTICOLI IMPORTANTI SEGNALATI

TORNA SU